PER ULTERIORI INFORMAZIONI: 095 382529


facebook
instagram
youtube
whatsapp
Ludumelefante

LUDUM MUSEO DELL'EXIBIT E DEL GIOCO SCIENTIFICO 

​DA NOI LA SCIENZA... È UN GIOCO!

 

Ludumscritta

Science Center 


facebook
instagram
youtube
whatsapp

Ducezio il primo leghista

2021-01-08 15:33

Ludum Science Center

Scienza e storia,

Ducezio il primo leghista

Ducezio nacque, da una nobile famiglia siciliana, nel 488 a.C. Probabilmente a Mene (oggi Mineo in provincia di Catania, quindi nella Sicilia orientale)

Ducezio nacque, da una nobile famiglia siciliana, nel 488 a.C. Probabilmente a Mene (oggi Mineo in provincia di Catania, quindi nella Sicilia orientale). Sin da bambino si dimostrò assai vivace e curioso. Amava gareggiare, era coraggioso e primeggiava su tutto.
Sin dall’adolescenza si dimostrò disponibile e generoso verso i più deboli e bisognosi. Ducezio crebbe in una Trinacria terra di conquista da parte di Greci e Fenici sotto la serrata oppressione dei primi.
I genitori videro in lui l’uomo che avrebbe risollevato le sorti del popolo siculo e così Ducezio crebbe con gli ideali trasmessigli dai saggi genitori. Crescendo entrò nelle grazie di tutti i Siculi e quando decise di occuparsi di essi creò Sinteleia, una LEGA di tutti gli appartenenti all’etnia sicula, e tutti gli uomini gli tributarono immensa fiducia.
La Sua prima impresa fu la conquista di Etna (odierna Catania), governata da Dinomene sotto l’influenza siracusana. Cavalcando alla testa dei Siculi iniziò così la sua battaglia per la liberazione della Trinacria dall’oppressore greco. Ducezio guidò i suoi uomini da vero condottiero e nel 461 a.C. conquistò Etna rinominandola Katane e costringendo gli abitanti che erano stati lì condotti da Gerone I° a trasferirsi altrove. Questo permise agli abitanti originari di riprendere possesso delle proprie terre giacché erano stati costretti a rifugiarsi presso Leontinoi (oggi Lentini).
Nel 460 a.C. in un tripudio di popolo, Ducezio viene acclamato come Re dei Siculi. Subito raccoglie un folto esercito ed interviene in aiuto del popolo siracusano in rivolta contro la classe dirigente. Nel 459 a.C. decide di passare all’azione sferrando un attacco nel siracusano, nel territorio dell’Ara dei Palici affrontando i Greci ed uccidendo Dinomene figlio di Gerone. Da lì cominciò la ricostruzione di Mene. Sempre nel 459 a.C. distrugge la fiorente città di Morgantina, roccaforte dei Greci; comincia a seguire la costruzione di Palina (odierna Palagonia) nel 453 a.C. Vicino al lago diei palici luogo di culto principe per i Siculi e la elegge capitale del suo stato abbandonando così l’antica Mene.
Nel 452 a.C. a Syrakusa e Akragas gli dichiararono guerra alleandosi con gli oppressori Greci pensando che sarebbe stata questa la fine del Re Ducezio.
Ducezio però, grande motivatore ed abile condottiero sconfisse i due eserciti in un solo violento scontro costringendoli alla fuga.
Purtroppo per lui, Siracusani ed Agrigentini si allearono e riorganizzando un valido esercito , inoltre fecero venire abili fabbri che crearono per loro nuove armi con i consigli dei maniscalchi spartani che avevano apportato migliorie agli acciai aumentando il contenuto di carbonio e la loro durezza negli scontri .
In uno di questi , nel territorio di Nomai (nell’agrigentino) infierirono una pesante sconfitta a Ducezio e a seguire una vera disfatta a Motyon (vicino San Cataldo).
Dopo questa disfatta Ducezio, concluse un trattato di pace , fu per questo tacciato di codardia da alcuni detrattori.
Ottiene l'esilio a Corinto per volere dei magistrati Siracusani. Egli non si rassegna e medita di ritornare nella sua amata terra.
Intanto i Greci iniziano a dividersi il regno di Ducezio operando vere persecuzioni e soprusi sui Siculi. Ducezio a Corinto vive come un Re, ma non dimentica il suo popolo ed abilmente convince i Corinzi ad invadere la Sicilia quale terra ricca di tesori.
Viene così nominato comandante e fiduciario dei Corinzi e messo a capo di una flotta per sbarcare in Sicilia. Sbarca, dopo alcuni giorni di navigazione nei pressi di Tindari, parte di territorio non controllato dai Siracusani e dagli Agrigentini, comincia a visitare le città riconquistando l’amore e la fiducia della gente, nel 444 a.C. inizia la costruzione della città di Kalè Aktè (odierna Cronia) e nel contempo organizza un folto esercito per attaccare le postazioni Greche.
Ormai vicino ai cinquant’anni, Ducezio sente gli acciacchi della vita faticosa condotta fino a quel momento e proprio la sera prima dell’inizio dell’attacco alle postazioni Greche avverte un malore che lo tiene sveglio tutta la notte. Ciò nonostante incita i suoi uomini alla pugna e prima di sferrare l’attacco rivolge loro un caloroso discorso di incitamento.
Durante la galoppata sul suolo natio con l’ideale liberatorio della sua terra dagli oppressori Greci, Ducezio viene colto da infarto che ne causa la morte improvvisa .
Siamo nel 440 a.C. stesso anno in cui avviene la di distruzione di Palika.
Nessuno sa o ricorda dove furono trasportate le spoglie del grande condottiero Ducezio eroe dei Siculi .
L’etnia sicula venne progressivamente assorbita dalla ormai vasta comunità greca. Ma un risultato importante fu ottenuto: il congresso panellenico di Gela (424 a.C.), stabilì che da quel momento in poi, tutti gli abitanti dell’isola dovevano riconoscersi in un’unica identità: quella siceliota. Non più greco-siculi.

Fonti: siculina.it

Polo Commerciale Centro Sicilia, Contrada Cuba - 95045 Misterbianco CT  |  Email : info@museodellascienza.com   |   Tel : 3401234567

Copyright 2020 © LUDUM, All Right Reserved.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder